Giradischi Crosley: La guida definitiva ai migliori modelli

L’ampia varietà di creazioni moderne che si ispirano ad uno stile vintage rappresenta ormai una tendenza dalla quale i giradischi portatili non possono esimersi. I seguenti modelli di giradischi Crosley tracciano il confine tra modernità e antichità, proponendo contenuti odierni e attuali all’interno di un involucro con chiari tratti di design antico.


Ciascuna proposta del brand permette di effettuare un flashback nel tempo non soltanto con lo sguardo, ma anche con la mente, rievocando ricordi piacevoli di quegli indimenticabili Anni Cinquanta o Sessanta, senza però staccarsi dalla tecnologia disponibile al giorno d’oggi.

L’anello di congiunzione tra due periodi così lontani e così diversi è dato dalla possibilità di riascoltare un vecchio vinile da 33, 45, 78 giri con il proprio giradischi, ma al tempo stesso non viene negato il collegamento dell’apparecchio al computer tramite una presa usb, potendo anche convertire l’LP il formato digitale, attualizzandolo e ponendolo al riparo dai segni del tempo.

La scelta di giradischi dell’azienda Crosley è variegata e capace di rendere felici diversi appassionati, a seconda delle loro esigenze e budget a disposizione. I modelli Crosley Collegiate, Crosley Cruiser, Crosley Spinnerette e Crosley Nomad, condividono le caratteristiche di portabilità, praticità, compattezza e funzionalità. Inoltre possono essere indicati per un regalo piacevolmente sorprendente ad amici o parenti che amano la musica, dando loro l’opportunità di riascoltare anche i dischi più datati, facendogli respirare l’atmosfera di un periodo indelebile impresso nella memoria di molte persone.


Giradischi Crosley Cruiser: il più venduto negli ultimi anni

crosley_cruiser_verde_arancioIl giradischi Crosley Cruiser è certamente uno tra i più trendy del periodo attuale, modello di successo capace di attirare gli sguardi della gente grazie ad un design fortemente intrigante caratterizzato da tinte sgargianti e vive, prezzo contenuto e funzionamento semplice. Nemmeno l’azienda si aspettava probabilmente tanto successo. I colori non passano inosservati: nero, verde, arancione, rosa, turchese, blu.Volendo utilizzare un termine che non era certo in voga negli Anni Sessanta, diciamo che il Cruiser è di tipo plug and play, ossia non necessita di grandi operazioni di installazione, ma è sufficiente attaccare la spina per farlo funzionare, oppure inserire le batterie, in quanto può funzionare anche con le pile.
E’ l’ideale per chi desidera far suonare ancora qualche vinile che ha in casa, senza troppe pretese in termini di funzionalità aggiuntive.

cruiser_rosa

Il design è un po’ squadrato ed è inserito in una valigetta portatile molto robusta realizzata in legno rivestito da una gradevole finta pelle, con due altoparlanti incorporati preamplificati.
Anche in questo caso, come per il modello precedente, la movimentazione dell’asta è manuale, ma, nonostante vi sia un lieve gioco, il sistema appare abbastanza preciso e puntuale.

Buona la dotazione di spine e uscite presenti, tutte posizionate sul retro del case: due RCA per poter collegare il giradischi ad un sistema hifi più completo, un jack da 3,5 mm per il collegamento delle cuffie e un altro ingresso da 3,5 mm per connettere dispositivi mobili.

cruiser_turchese
Essendo un giradischi a basso prezzo, pensato per proporsi ad un target mirato di clientela, qualche pecca sonora la mostra e i suoni caratterizzati da alte frequenze non suonano poi così bene, prendendo una piega prevalentemente metallica ed eccessivamente brillante, anche se nel complesso l’ascolto è comunque sufficiente e chi non è troppo pignolo potrà lo stesso beneficiare di un rapporto qualità-prezzo interessante e vantaggioso, sia per dischi da 33, 45 e 78 giri.

Leggi la recensione completa >>>

Controlla il prezzo su Amazon


Giradischi Crosley Spinnerette: l’originalità in casa Crosley non manca mai

Il giradischi Spinnerette prende le sue origini in terra d’Olanda, ispirandosi al classico vecchio modello Philips che negli Anni Cinquanta ha fatto suonare milioni di dischi in quasi tutte le abitazioni del popolo dei tulipani. La prima cosa che sorprende è la robustezza della valigetta realizzata in ottima plastica ABS in cui è inserito il dispositivo, con i suoi altoparlanti stereo full range integrati, il cui suono emesso desta impressioni più che buone.

Il design è molto particolare in quanto si può notare la valigetta divisa in due parti: una per il giradischi e l’altra per lo speaker. La regolazione “Tone” e “Volume” sono a cursore scorrevole, proprio come era tipico di quegli anni ormai sopiti.
Il braccetto (a ritorno automatico) vede installata una preziosa puntina Diamond NP5 realizzata in diamante e la rotazione è generata da un meccanismo a cinghia, il quale sarà sì un po’ più lento di altre soluzioni, ma certamente permette di avere minori vibrazioni e una qualità del suono superiore.

Il sistema è provvisto di connessione usb per computer ed è compatibile anche con il Mac di Apple, oltre all’ingresso e all’uscita aux (dove è possibile collegare anche un paio di cuffie), poste lateralmente e visibili una volta sollevata la cassa audio.
Anche in questo modello c’è la possibilità di usufruire del software di gestione dell’audio per poter trasformare il suono del vinile in formato mp3.

Tre sono le velocità per l’ascolto dei dischi: 33, 45 e 78 giri.

Controlla il prezzo su Amazon


Giradischi Crosley Nomad: una delle soluzioni più complete

Il giradischi Crosley Nomad è una delle soluzioni più complete che il mercato è in grado di offrire. Nonostante sia un sistema tutto in uno, la qualità proposta è davvero notevole e grazie alla presa usb consente di ottenere la versatilità del collegamento con il proprio computer al fine di poter anche digitalizzare le tracce presenti sul vinile.
Splendida la valigetta, che rilascia immediatamente un’impressione di estrema eleganza, in stile armadietto in legno, dalle linee poco spigolose e morbide.rsz_crosley_nomad_giradischi_1La cartuccia in magnete mobile e la puntina in diamante realizzata sempre da Audio Technica hanno il compito di preservare il disco da eventuali graffi, mentre il braccetto va posizionato manualmente sul disco e poi va premuto il tasto apposito per avviare la rotazione.
Il rapporto qualità prezzo è interessante e Crosley Nomad è facilmente trasportabile, nonostante le dimensioni non rappresentino il massimo della compattezza (più grande del modello Cruiser) e il peso si approssimi ai 5 kg.
Anche per tale modello la casa ha scelto una trasmissione a cinghia, replicando i vantaggi tipici di questa opzione, la quale, insieme alla robustezza strutturale, riduce ancor più le vibrazioni, rendendo questo giradischi uno tra i più stabili del mercato.

rsz_crosley_nomad_giradischi_valigetta
Gli altoparlanti stereo da 3 pollici sono posizionati lateralmente, scelta che si rivela vincente rispetto a molti prodotti concorrenti che vedono il posizionamento sul retro. Nelle soluzioni tutto in uno avere gli speaker a lato permette di ottenere un miglior suono. Ad integrazione di ciò vi è anche la possibilità di collegare casse esterne, anche se, grazie alla presenza di un amplificatore incorporato, l’operazione non sarebbe nemmeno così necessaria.

La qualità del giradischi portatile Crosley Nomad è notevole, a partire dalla valigetta per arrivare al suono, il tutto proposto ad un prezzo che sicuramente fa pensare anche l’acquirente meno esperto. Non ha nulla di ciò che non dovrebbe avere: niente radio, niente bluetooth, niente cd room, per mantenere fede al progetto di colui il quale ha ispirato, negli Anni Cinquanta e Sessanta, il concetto di questo prodigio, replicato con buon successo a distanza di oltre mezzo secolo.

Leggi la recensione completa >>>

Controlla il prezzo su Amazon


Giradischi Crosley Collegiate: un gioiellino a prezzi competitivi

Il Crosley Collegiate è uno dei giradischi migliori della casa e rappresenta una scelta importante e di qualità, destinata ad una fascia di mercato medio alta.
L’aspetto è particolarmente accattivante per merito di un deciso look fortemente retrò, accentuato da linee ben marcate ma lievemente tondeggianti, richiamando i mitici Anni Sessanta. La proposta si avvale di tre colorazioni: marrone, blu e rosso, tutte a contrasto col il bianco, offrendo anche un aspetto estetico di piacevole impatto. Inoltre le dimensioni non sono certo particolarmente ingombranti e consentono al Collegiate di avere una discreta portabilità /testimoniata dalla presenza di una maniglia di sostegno), non solamente all’interno dell’abitazione, ma anche al di fuori di essa, nonostante un peso di 4,5 Kg.collegiate_giradischi_crosley
I vinili saranno salvaguardati e protetti grazie alla presenza di una cartuccia con magnete mobile di altissima qualità realizzata da Audio Technica, marchio leader del mercato audio, lo stesso che ha realizzato la puntina in diamante.
Dotato di presa usb che consente il collegamento ad un qualsiasi computer, il giradischi in questione permette anche la conversione dei dischi in formato digitalizzato mp3, grazie ad un software incluso facilmente fruibile e molto intuitivo.

Tre sono le velocità di lettura possibili: 33, 45 e 78 giri.
Il giradischi Crosley Collegiate è caratterizzato da una trasmissione a cinghia, la quale ha anche il compito di smorzare le vibrazioni senza trasferirle alla puntina. L’azionamento del giradischi è manuale, proprio come un tempo: il braccio va fisicamente posizionato sul disco e ciò permette di riprodurre le tracce in maniera precisa, consentendo anche il classico skip del salto traccia. La medesima operazione va eseguita a fine disco, riportando il braccio nella posizione di riposo iniziale.blu_collegiate_crosley giradischiDi buona qualità anche le casse audio del giradischi, anche se c’è il trucco. Da una visione generale parrebbe esserci un unico altoparlante, ma al suo interno sono presenti due speaker che emettono un suono buono e senza distorsioni, anche quando si regola il volume al massimo. Se l’obiettivo era quello di realizzare un giradischi puro, nudo e crudo, è stato raggiunto con successo, commercializzando un dispositivo privo radio e lettore cd, rispondendo quindi in modo ancor più pedissequo alle caratteristiche tipiche degli anni passati.

Attenzione: il modello in questione è disponibile esclusivamente con la spina UK, per funzionare è necessario un adattatore (dal costo di pochi euro).

Leggi la recensione completa >>>

Controlla il prezzo su Amazon


Crosley, un pò di storia

I giradischi Crosley non sono i primi prodotti dall’azienda; infatti, la compagnia statunitense nacque commercializzando radio.

Il Sig. Crosley, americano di nascita, ha avuto il merito di essere stato tra i primi a diffondere l’uso della radio negli anni in cui quasi nessuno sapeva cosa fosse. Per lui questo si è rivelato l’inizio di qualcosa di più grande e la sua mission era gratificare le persone con l’ascolto della musica e quindi si diede alla progettazione dei giradischi.

Oggi le cose sono cambiate ma i prodotti Crosley sono ancora tra i migliori in tutto il mondo, si ripropongono senza rinnegare la loro storia e hanno acquisito nuovo valore, essendo diventati, nel mondo moderno, non solo oggetti funzionali, ma anche soluzioni di arredamento e di design.